Grafemi

Segni, parole, significato.

Cosa faresti se morissi? – di Alessandro Busi

Su Grafemi, un nuovo ospite, Alessandro Busi, con un racconto breve e tagliente.Buona lettura! Cosa faresti se morissi? di Alessandro Busi Cosa faresti se morissi? Lei alzò gli occhi dalla … Continua a leggere

07/03/2017 · 14 commenti

La moglie di sua moglie

Un raccontino per Carnevale! Buona lettura! Quando suo figlio lo aveva sorpreso in bagno con addosso un paio di collant e un reggiseno rosso di sua moglie, si era stupito … Continua a leggere

24/02/2017 · 1 Commento

Trecento e rotti, di Beatrice Biggio – il vincitore!

Ecco dunque il vincitore del mio buffo concorso dell’anno scorso. La sfida che avevo lanciato chiedeva di scrivere un racconto che assomigliasse, in qualche modo, a un video in cui … Continua a leggere

10/02/2017 · 4 commenti

L’ennesimo testamento – un racconto di Andrea Micalone

Del “giovedì” apprezzo il fatto che, nonostante sia in mezzo alla settimana, è in realtà tutto sbilanciato in avanti verso il weekend. Non sono un grande appassionato del fine settimana … Continua a leggere

26/01/2017 · Lascia un commento

Il taglio – un racconto di Barbara Bedin

Ecco un ottimo modo per iniziare il 2017: con un racconto di Barbara Bedin. Buona lettura! Il taglio di Barbara Bedin Ho un taglio sulla schiena. È una linea dritta, … Continua a leggere

12/01/2017 · 6 commenti

And the winner is…

Come prima cosa, chiedo scusa a tutti quelli che ho fatto aspettare: non avrei dovuto prendermi un impegno che prevedeva una scadenza – non in questo periodo, non con il … Continua a leggere

06/11/2016 · 9 commenti

La palla, di Emanuele Kraushaar

Emanuele Kraushaar, oltre a essere il motore di Tic Edizioni, piccola e valida casa editrice romana, è anche un autore particolarmente interessante, con una particolare predilezione per il racconto brevissimo. … Continua a leggere

07/10/2016 · 2 commenti

La nuova bellezza!

Si cresce, si diventa grandi, poi viene la barba bianca, e si pensa che alle rughe che si formano sul viso ne corrispondano altrettante, e più profondone in quella parte … Continua a leggere

21/09/2016 · 5 commenti

Sotto l’ombrellone

E’ impossibile passare una settimana al mare senza sentire la voglia di raccontare quello che succede in una spiaggia. Un racconto estivo da leggere sotto l’ombrellone! Vista dall’alto, la spiaggia … Continua a leggere

22/08/2016 · 7 commenti

Il giorno più bello della mia vita

Un raccontino estivo… Buona estate! Aveva smesso di piovere da meno di mezz’ora ma le strade erano ancora allagate – tombini occlusi e pompe in avaria, i soliti problemi di … Continua a leggere

02/08/2016 · 4 commenti

Il mio concorso di racconti

Lavorare stanca, scriveva Pavese qualche anno prima di suicidarsi, ed è incredibile che lo avesse capito nonostante non sia mai stato obbligato a lavorare nell’informatica, e per lo più nel … Continua a leggere

03/06/2016 · 29 commenti

Insonnie, di Elena Rui

Ogni epoca ha due o tre parole che la caratterizzano: l’ottocento era carbone e borhgesia, il primo novecento la velocità, il secondo consumismo ed edonismo. Il ventunesimo secolo è crisi … Continua a leggere

30/05/2016 · 1 Commento

Bacio sporco – di Barbara Bedin

E’ un po’ di tempo che mi chiedo quando è stato fissato il primo lunedì. Esisteva già la settimana o l’hanno inventata in quel momento? Assomiglia al problema dell’uovo e … Continua a leggere

19/03/2016 · 1 Commento

10 carte – un racconto di Massimiliano Righetto

Riprendono i contributi “esterni” del lunedì, che per un po’ di tempo avevano arricchito questo blog. Oggi, un racconto di Massimiliano Righetto, autore padovano. Buona lettura! 10 carte Massimiliano Righetto … Continua a leggere

22/02/2016 · 11 commenti

Dopo di te – un racconto di Ilaria Vajngerl

La raccolta “L’amore ai tempi dell’apocalisse”, che ho curato per Galaad Edizioni, si apre con un racconto di Ilaria Vajngerl, che avevamo già conosciuto in questo blog con Crescere,  e … Continua a leggere

30/12/2015 · 11 commenti

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.621 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

Dove le emozioni sono fatti

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

Donut open this blog

Stories, dreams and thoughts

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

Marco Milone

Sito dello scrittore Marco Milone

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Itìnera

Il Magazine di Una Romana in America

Oblò(g)

Non ho la pretesa di avere una finestra sul mondo. Mi basta un oblò.