Due chiacchiere con la Limerick

Durante questi mesi di lockdown, di clausura forzata, qui su Grafemi ci siamo fatti accompagnare dai "Racconti dalla libreria Limerick", storie scritte da un gruppo di persone che nel corso dei due anni precedenti avevano condiviso idee ed esperienze nel piccolo spazio della libreria.Adesso, è arrivato il momento di sentire le voci delle due libraie,... Continue Reading →

Esperienza

Quando è nato il nostro primo figlio, nel 2004, io e mia moglie non avevamo alcuna esperienza in merito: come la stragrande maggioranza dei genitori, ci siamo messi a leggere libri, a chiedere consigli al pediatra, a comprare dispositivi sanitari per pesare i decagrammi, tirare fuori il latte, mantenerlo a una temperatura corretta, e non... Continue Reading →

Due chiacchiere con Barbara Da Forno – libreria Zabarella

In attesa di riprendere con i racconti dalla libreria Limerick, che ci hanno accompagnato per due settimane, ho avuto modo di scambiare due parole con la titolare di un'altra libreria padova, la Zabarella, una realtà indipendente del centro storico della mia città, non distante dalle due più grandi librerie di catena della città. Alla Zabarella... Continue Reading →

Il disertore, di Diego Pulliero

Diego Pulliero, autore del decimo racconto dalla libreria Limerick, è un grande appassionato di storia - e qui sono in dubbio se usare la maiuscola o meno: diciamo che ama osservare come la Storia è diventata storie di persone. Le sue ricerche sul territorio, soprattutto quello della provincia di Padova in cui vive, hanno portato... Continue Reading →

Croste, di Marta Bracciale

Secondo racconto dalla libreria Limerick. Questa volta abbiamo Marta Bracciale: lei è una delle due libraie che a un certo punto ha scavalcato il bancone ed è venuta a sedersi accanto a noi. Buona lettura e buon lunedì!  (foto di Christian Baldin) Croste di Marta Bracciale Stavamo giocando alla signora di Milano. Me lo aveva... Continue Reading →

“Ho qualcosa da dire”

Vorrei poterti dire qualcosa di più profondo. Per esempio che tutte queste trovate sono scaturite dagli abissi della mia psiche, ma non è così. Il cinema è un mezzo meccanico e chi fa cinema deve concentrarsi sulla tecnica e lasciare che sia la tecnica a dare il piacere estetico. (Michael Chapman)   Vuoi sapere la... Continue Reading →

Le cose che ci appartengono

Quando si scrive, quando lo si fa con una certa continuità, all'interno di un progetto di ampio respiro capace di abbracciare non un mese o un anno della propria vita ma uno o due decenni, si finisce inevitabilmente per riflettere sulla scrittura, su cosa sia, a cosa serva, ammesso che serva a qualcuno che non... Continue Reading →

Il virus e il controllo – di Alessandro Busi

In questo periodo complicato, dove siamo costretti ad affrontare una situazione alla quale siamo impreparati per mancanza di esperienza, e quindi di un modello per affrontarla, mi sembra importante proporre dei punti di vista che non prendano in considerazione solo gli aspetti sanitari e quelli economici (come stanno facendo tutti i quotidiani di oggi) ma... Continue Reading →

Sezione aurea

Si erano dati appuntamento in un orribile bar vegano che aveva da poco aperto proprio sotto il suo ufficio, in uno di quei palazzi tutti uguali che si affollavano, spintonandosi a vicenda, ad Assago, nel quartiere di Milanofiori; si sarebbero visti alle cinque di pomeriggio di un giovedì di settembre; lei aveva proposto le quattro,... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Pangea

La prima rassegna stampa delle più belle pagine culturali del pianeta

Io Sono V

Solo per te

Impressions chosen from another time

Frammenti di letteratura, poesia, impressioni

/in·cen·dià·rio/

[estasi, folgorazioni, risse]

LaChimicaDelleLettere

Reazioni a catenella

Matilda

Il blog della Biblioteca di Ossona

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: