La gente non esiste

Nell’ultimo saggio di Philip Roth uscito in Italia, dal titolo “Perché scrivere?” (e d’altra parte: perché non scrivere? Cosa potrebbe frapporsi tra il proprio desiderio e la sua realizzazione? Chiedetelo a cento persone che non scrivono e novantacinque vi diranno che il problema è il “tempo”), nella prima parte, che è la traduzione di “Reading…

Almeno tu

Ho capito come sarebbe andata a finire appena l’ho visto entrare con lo sguardo basso e cupo dei giorni in cui qualcuno l’ha fottuto. Ha buttato il giaccone su una sedia, si è girato verso di me e mi ha detto “be’, nun se magna ‘sta sera?”. Erano le otto, ero appena tornata dal lavoro,…

Se Paolo Bonolis legge “Il bacio”

Sebbene io non sia un grande appassionato di televisione, che di fatto ho smesso di guardare intorno alla fine degli anni novanta, scopro di essere anch’io, come molti, sensibili al fascino dell’uomo di spettacolo: al suo semplice “essere famoso”. Venerdì 26 settembre, all’interno di una rassegna che ha percorso l’intera estate romana, il signor Paolo…

Il signor Bovary

Quindi, è uscito: dopo un’attesa di qualche mese, dal’8 maggio del 2014 è disponibile il mio ultimo lavoro, il racconto lungo, o romanzo breve, “Il signor Bovary”. Esce per la Intermezzi Editore, casa editrice toscana, che tra le altre cose ha scoperto e lanciato Stefano Sgambati, ora autore minimum fax, e Daniele Pasquini, che l’anno scorso…

La morte non è mai stata così nuda

Inizio a domandarmi, abbastanza seriamente, come mai mi capiti di parlare sempre più spesso di morte. I tempi? L’età? La vita? La necessità di esorcizzare la più antica, la più profonda,  la più inguaribile delle paure? La morte è il più grande tabù del ventesimo (e quindi del ventunesimo, che del precedente è una triste…

Acido desossiribonucleico

Uno dei racconti contenuti nella mia raccolta “Il giorno che diventammo umani” (Neo Edizioni) parla di DNA: di come questo determini le caratteristiche di un essere umano tra le quali i lineamenti del viso. Il sempre-ricco-blog “Scrittori precari” (ma è più di un blog: è un sito che ogni giorni propone un racconto, o una…

Il giorno che diventammo umani

Giovedì 10 ottobre 2013 è ufficialmente uscito “Il giorno che diventammo umani”, la mia nuova raccolta di racconti edita, come “Antropometria”, dalla Neo Edizioni. La copertina (che io adoro) è di Toni Alfano. Dopo “La felicità esiste”, il romanzo edito da Alet (ora Fandango) sono tornato ai racconti, e sono tornato alla Neo Edizioni –…

Un corso di scrittura?

Una delle domande che mi capita di sentire abbastanza spesso, durante le presentazioni di autori (l’ultima volta a Martin Amis, a Pordenone) è:  i corsi di scrittura servono a qualcosa? Credo che per rispondere sia necessario dettagliare meglio la domanda. Quali sono gli obiettivi? Cosa ci si aspetta da un corso di scrittura? In che…

La recherche

Mi diverte sempre molto leggere, nei blog che seguo, quei post in cui si elencano le chiavi di ricerca usate dagli utenti per arrivare al sito – di solito sono un bel campionario di ridicolaggini e stupidità. Su Grafemi, purtroppo, non ci sono perle particolarmente divertenti – ma, qua e là, compaiono domande alle quali…

ESC – quando tutto finisce

Quando tutto finisce, tutto inizia. Il 2012 è agli sgoccioli – giusto il tempo per una pasta e fagioli, una fiasca di spumante, e poi  quest’anno non ci riguarderà più – passato, finito, spirato, morto, andato a far conoscenza con il Creatore, come il pappagallo dei Monty Python. E il nuovo? Le solite speranze, che…

Prima che finisca il mondo

E’ cosa risaputa che tra una ventina di giorni finirà il mondo. Abbiamo avuto tutto il tempo per prepararci – chiuso il conto in banca, chiarite certe faccende con gli amici persi in gioventù, approfittato dell’assenza di futuro per togliersi quella tentazione che avevamo sempre rimandato, e visitato tutti i posti più belli della terra,…

A Pompei

Provo a proporre un altro pezzo del romanzo “La gentilezza del carnefice”, che ho scritto tra il 2008 e il 2009 e che non è mai stato pubblicato. Nel primo estratto, che avevo postato qui, Lorenzo Bettini, anonimo dipendente della SIB, ha dovuto partecipare a una riunione estenuante. Poco dopo, però, la sua vita viene…