China girl, di Riccardo Righi

La sfilza degli scrittori che a un certo punto della loro vita hanno deciso di cambiare lingua, di abbandonare quella che avevano imparato da bambini per passare a una imparata nel corso della vita, è lunga, e prestigiosa: l’irlandese Beckett, le cui commedie sono in francese, il ceco Kundera, che intorno agli anni novanta è…