Grafemi

Segni, parole, significato.

Libri tanto amati: Paolo Zardi e Philip Roth

Originally posted on giacomo verri:
Durante la mia adolescenza per niente inquieta (purtroppo, con il senno di poi), l’unica forma di ribellione che avevo deciso di portare avanti era quella…

02/05/2016 · 6 commenti

Una chiacchierata con Demetrio Paolin

E’ abbastanza raro trovare un romanziere che decida di assecondare una grande ambizione; ancora più raro trovarne uno che la assecondi con mezzi adeguati. Demetrio Paolin è sicuramente uno di … Continua a leggere

11/04/2016 · 4 commenti

La mamma

Mia madre ha sempre avuto la passione per la fotografia. Negli anni settanta usava una Petri completamente manuale; negli anni ottanta, invece, si era fatta portare dall’America, grazie a un … Continua a leggere

03/04/2016 · 2 commenti

La carne – Cristò

Nelle aziende di informatica, tra i vari ruoli pomposi inventanti nel corso di questo ultimo secolo – il classico Project Manager, il meno noto Team Leader, il molto tecnico System … Continua a leggere

28/03/2016 · 4 commenti

La campagna Plaxxen – Nicola Pezzoli

Nella casa in cui sono nato, e poi cresciuto per una trentina d’anni (con il senno di poi, mi vergogno di aver prolungato così a lungo la mia vita in … Continua a leggere

20/03/2016 · 4 commenti

Secondo natura, primo l’essere umano

Qualche giorno fa ho visto le immagini di un tifoso dello Sparta Praga che, a Roma, ha pisciato in testa a una donna che chiedeva la carità. Una scena che … Continua a leggere

20/03/2016 · 3 commenti

Bacio sporco – di Barbara Bedin

E’ un po’ di tempo che mi chiedo quando è stato fissato il primo lunedì. Esisteva già la settimana o l’hanno inventata in quel momento? Assomiglia al problema dell’uovo e … Continua a leggere

19/03/2016 · 1 Commento

Queste stanze vuote – Massimiliano Maestrello

Da un po’ di tempo sta montando, in Facebook, una piccola polemica sulle recensioni, apprezzamenti, endorsment, lodi pubbliche che autori fanno di libri di altri autori: si è insinuato che … Continua a leggere

13/03/2016 · 1 Commento

Inganno

Nel 1967, dopo una raccolta di racconti e un romanzo breve molto apprezzati dalla critica, un giovane Philip Roth pubblica uno dei libri più importanti degli anni sessanta, e della … Continua a leggere

07/03/2016 · Lascia un commento

Per gioco

Inizio, da oggi, la riesumazione del mio primo blog al quale ho dedicato anima e corpo pe almeno tre anni, e che è stato cancellato dalla faccia della terra – … Continua a leggere

01/03/2016 · 3 commenti

I Signori Grigi – di Riccardo Cesario

I Signori Grigi di Riccardo Cesario Michael Ende è uno scrittore tedesco conosciuto per il suo romanzo per ragazzi “La Storia Infinita” da cui è stato tratto anche un celebre … Continua a leggere

01/03/2016 · 3 commenti

Ancora sull’Aleph

Per quanto il pensiero possa non sempre far piacere (pare sminuire il contributo che ciascuno porta alla propria vita, e l’unicità che tutti si attribuiscono), ciascuno di noi è per … Continua a leggere

28/02/2016 · 2 commenti

Viaggio nel tempo

Non mi stancherò mai di dirlo: la più grande e più importante invenzione del ventunesimo secolo è Google. I suoi creatori meriterebbero il Nobel – per l’economia, la fisica, la … Continua a leggere

27/02/2016 · 4 commenti

L’incanto dentro – Valentina Berengo

Qualche giorno fa è uscito, per i tipi della Cleup, “L’incanto dentro”, raccolta di racconti che segna l’esordio di Valentina Berengo, ingegnere di Padova, fondatrice, con Gioia Lovison, del Personal … Continua a leggere

24/02/2016 · Lascia un commento

10 carte – un racconto di Massimiliano Righetto

Riprendono i contributi “esterni” del lunedì, che per un po’ di tempo avevano arricchito questo blog. Oggi, un racconto di Massimiliano Righetto, autore padovano. Buona lettura! 10 carte Massimiliano Righetto … Continua a leggere

22/02/2016 · 11 commenti

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.284 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

aroundelisa

l'unica guida online per eleganti giramondo

Suprasaturalanx

Noci, miele, ricotta e molto altro!

l'inventore di mostri

di Valeria Zangrandi

Grado Zero

Rivista Culturale Online

quellocheVale

prontuario di poesia - e non solo - per tempi difficili

I libri degli altri

l'editing come stile di vita

L'uomo di pezza

di michele maltauro

bookpills

Prendo penna e taccuino e mi misuro sulle distanze lunghe e su quelle brevi.

Lo scatolone di Aghia Sophia - recensioni e bla bla bla -

Quando non scrivo, dormo. Quando dormo, penso. Nel mio cervello letteratura, musica, cinema, internèt etc. Nello spazio che resta trovate un elefante.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.284 follower