Grafemi

Segni, parole, significato.

Tutto su Meredith

(Questo post un po’ esplicito era stato scritto più di due anni fa, su un altro blog, a pochi giorni di distanza dall’omicidio della povera Meredith. Alla fine del 2007, non si parlava d’altro. Ora, dopo la senteza che condanna Raffaele e Amanda a quasi 30 anni di prigione – li chiamano tutti per nome, questi due: abbiamo più famigliarità con gli imputati di questi processi che con i nostri vicini di casa – lo ripropongo qui, come rinnovata espressione del mio disgusto per un certo tipo di giornalismo).


In quanto italiano, sono costretto – più o meno con la forza – ad intravvedere articoli, trasmissioni, telegiornali, che parlano del “caso Meredith”.

I fatti dicono: è stata trovata una ragazza inglese assassinata in camera sua, in un alloggio per studenti. La porta chiusa a chiave, una finestra rotta, la gola tagliata, lei seminuda. Questi i fatti.

Chi è stato?

Per Amanda, coinquilina americana di Meredith, sono stati (secondo l’ultima versione resa pubblica) il suo ragazzo Raffaele e un africano di nome Patrick. L’hanno uccisa in camera, mentre lei (Amanda) era in un’altra stanza; il movente è che volevano fare sesso in tre. O in quattro, non è chiaro: Amanda, infatti, è molto confusa, e non riesce a distinguere – lo dice lei – i sogni dalla realtà, o una versione fornita dall’altra.

Ma gli inquirenti, grazie ad una traccia di cacca lasciata su un pezzo di carta igienica, sono risaliti all’oroscopo del vero omicida, che dopo aver tagliato la gola a Meredith, si è fatto una salutare cagata in bagno. Non pago, ha lasciato anche la sua impronta insanguinata sul cuscino e una dichiarazione di colpevolezza scritta con il suo DNA.

Intanto Raffaele, dopo aver superato i primi giorni di confusione che erano dovuti, per sua stessa ammissione, alle troppe canne, dice che lui, in quella camera non c’è mai stato, che è rimasto a casa sua tutto il tempo, e che Amanda è andata a trovarlo riferendo che nella stanza di Meredith aveva trovato casino (cioè cinque litri di sangue sulle pareti, una donna morta sul letto e una striscia di merda nella tazza del gabinetto); lei, nonostante questo, si era fatta  comunque una doccia nel bagno di Meredith. Cioè quello della ormai celebre cagata. A questo punto, non vedo l’ora facciano qualche telefilm in cui gli agenti speciali del RIS si trovano con una polpetta marrone e fumante sotto il microscopio.

La prova del fatto che Raffaele fosse a casa al momento dell’omicidio viene fornita dai suoi legali: dicono che stava scaricando illegalmente un film da Internet: è noto che quando si fa un download da un sito peer-to-peer è necessario stare davanti al video tutto il tempo dicendo “dai, dai”.

A casa di Raffaele sono state trovate tracce del DNA di Amanda sul manico di un coltello e tracce di DNA di Meredith sulla lama: a questo punto, però, non mi è chiaro quanti litri di DNA è capace di secernere una persona in un giorno, e con quali mezzi. Amanda e Raffaele hanno comprato due litri di candeggina il giorno dopo, ma questo, pare, non è un dettaglio significativo. Il sangue trovato sulle mutande di Raffaele, invece, era quello mestruale di Amanda, con la quale – lo sappiamo grazie a questo reality a posteriori – tre giorni dopo l’omicidio è andato a comprare un tanga (il filmato viene trasmesso a telegiornali unificati venerdì sera).

Ma due o tre giorni fa sono emersi anche dei dubbi sull’ora della morte: uno dei dottori, infatti, si è accorto, venti giorni dopo aver fatto l’autopsia, che l’osso del collo della povera ragazza era rotto, come accade in caso di strangolamento; quindi Meredith è morta prima di quello che gli stessi dottori che avevano fatto l’autopsia ritenevano fino a quel momento. La scienza è, risaputamente, una mera opinione.

Altri dettagli: di Amanda, ci sono le foto mentre entra nella casa dello studente, nell’orario sospetto – la telecamera scatta, evidentemente, una foto ogni due ore, perché non si vede nessun’altro nè entrare nè uscire.

Nel frattempo, beccano il tipo che aveva fatto la cacca a casa di Meredith, tradito dal suo accento umbro (lui è della Costa d’Avorio) in una telefonata con Skype fatta da un Internet cafè in Germania, e lo arrestano. Lui afferma che quella sera aveva baciato Meredith, poi era andato a cagare, e mentre la faceva – credo una decina di chili – è entrato un italiano sconosciuto che ha ucciso Meredith ed è scappato. Ma quando lui è uscito dal cesso, Meredith non era ancora morta: tra le sue braccia, ha trovato la forza di sussurrare un indovinello per indicare chi era l’assassino. Lui, allora, il merdone, con le zampe ancora sporche del proprio DNA, ha intinto il dito nella giugulare di Meredith e ha scritto su un muro “AF” – gli inquirenti lo avevano scambiato per una decorazione – dettaglio che credo sia la soluzione del caso: basterà infatti trovare un tizio che si chiama Af, con il coltello in tasca ancora insanguinato.

Tra l’altro, dopo aver arrestato il tizio in Germania, liberano Patrick, l’altro negro della storia, quello che era accusato da Amanda e del cui cellulare si aveva traccia sulla cella vicino a casa di Meredith nel solito orario. Liberato, sì, ma ancora sotto accusa, nonostante possa fornire un alibi confermato da un professore che vive a Ginevra: probabilmente, il RIS di Parma ha ritenuto che i negri siano tutti uguali e che quindi, dopo aver arrestato il tedesco cagone, non aveva senso tenerne dentro un altro.

A questo punto, ci si domanda: quanti cazzo erano in quella camera?

La soluzione più logica è che sia stata uccisa a più riprese da persone che entravano, a turno, in camera sua. Qualcuno di loro, già che c’era, si faceva la doccia, mangiava du spaghi aio e oio,  e si faceva una cagatina. Il colpo di grazia è stato inferto da Bruno Vespa, che così si è assicurato la possibilità di costruire un’altra memorabile serie di “A porta a porta”, con la partecipazione di Patrizia Pellegrino, Lucrezia Lante delle Rovere, i soliti criminologi porcini, qualche prete, e giovani sbandati a caso, mentre sullo sfondo mette una foto gigante dell’ivoriano che fa gli occhi da vampiro in una foto del suo blog.

Il mio parere? Arrestate polizia e giornalisti. Anche se non sono stati loro, un po’ di prigione gli farà bene.

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

6 commenti su “Tutto su Meredith

  1. malosmannaja
    08/12/2009

    come non darti ragione?
    i giornalisti e i criminologi sono specchio fedele dei bisogni della società civile nel bel paese.
    : )
    : (
    vieppiù l’inattendebilità e la maleducazione dei giudici è evidente nel seguente errore di valutazione: hanno dato 26 anni ad Amanda e invece lei ne ha solo 21…

    Mi piace

  2. Peppermind
    09/12/2009

    Ho riso molto.
    NON amaro, eh? Di gusto!
    Ormai in segno di disprezzo verso questa realtà e i suoi “cantori”, ne rido.
    Risate crasse e spensierate.
    Pensa che mi sono anche chiesto: ok, l’osso del collo rotto, ma l’osso del culo?
    E giù a ridere.
    Mi sono poi anche detto, poi, “ma Vespa avrà fatto il plastico del cesso con dentro l’arrotolata di 10 chili che se la schiacchi, visto che è di gomma, e ci ha il fischietto, fa TROOOOMB, perché è grossa, 10 chili?”

    Ridere, ridere!

    Mi piace

  3. worm
    09/12/2009

    a me non fa ridere…solo mi domando come sia possibile…non so negli altri paesi…ma qui ogni volta che ci scappa un morto e’ un giro senza fine che alimenta la chiacchera televisiva…e ossessiva e fetida di marcio..

    Mi piace

  4. sara
    15/09/2010

    che cazzata

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      15/09/2010

      Cercando “Il grafema di merda”, i risultati generalmente sono sempre all’altezza.. 😉

      Mi piace

  5. Susanna
    04/10/2011

    Grandissimo pezzo!

    Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 06/12/2009 da in Politica con tag , , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.880 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: