Grafemi

Segni, parole, significato.

Apoptosi e altri acquerelli

Anadiplosi

Questa sera le nuvole sembravano fumo, il fumo nero di un Dio che stava fuggendo da questo mondo.

Terrazza

Le stelle si spostano. In giugno, il carro maggiore parcheggiava sopra il tetto della mia casa; ieri sera l’ho visto che aveva preso la via per il nord.
Seduto in terrazza, vedo scorrere le stagioni. La ragazzina che ballava l’aerobica nel salotto di casa sua ora sta abbracciando un giovanotto magro ed alto, e i calzerotti li avrà chiusi in qualche cassetto. Lontano, i lampi mostrano la struttura interna delle nuvole, come le pile luminose che da piccoli mettevamo in bocca per vedere il colore rosso della nostra pelle. Siamo fatti di sangue; le nuvole, invece, sono piene di autunno.

Mach 1

Un uomo pelato con la tuta blu lancia la sua barca sull’olio del mare mattutino – il tonfo arriva così tardi che si riapre un sogno.

Apoptosi

Metà del cielo sta sciogliendo del rosso nel blu; l’altra, invece, è piena di nuvole bambine – il profilo di un coniglio, un elefante senza proboscide, il naso di una donna. Solo una si sottrae a questa tassonomica classificazione: la sua forma, che l’Universo intero ha disegnato negandone l’esistenza fino al limite dei suoi bordi (la morte è il calco umido della vita), è lussuria di bolle bianche, grigie, scure, esplose da un cuore nero nascosto dietro le colline.

Domenica 1977

I bimbi giocano nella cameretta (salti sul letto, verbi all’imperfetto, grida, laser, risa).

Sembra ci sia una voliera – lo stesso suono della mia infanzia.

Clorofilla

Qualche famiglia fa, il mio salotto aveva porte di alluminio all’esterno, sulla terrazza.
Della loro presenza, è rimasto un buchino rotondo sul marmo, dove si infilava il cilindro di metallo che le teneva chiuse.

In quel buchino, oggi è nata una pianta piccola come l’unghia di un mio dito.

Lovely Rita

I due parcheggiatori, messi uno sopra l’altro, fanno centoventi anni, tre metri e sessanta, due cuori ed un cervello.
Aspettano le macchine che entrano come una sorpresa che si rinnova.
Uno fa cenni all’altro di condurre il conducente verso lo spazio che gli  è stato assegnato in base a ragionamenti senza alcun fondamento; l’altro, assomiglia ad uno di quegli omini con  il paraorecchie  e la giacca catarifrangente che indicano agli aerei la pista di atterraggio – gli assomiglia per complessità di esecuzione e serietà di intenti. E continuano a scambiarsi i ruoli, anche in corsa – uno dice all’altro di fare qualcosa, ma non finisce la frase che già l’altro è diventato lui, e lui l’altro, per cui obbediscono a se stessi senza mai protestare – e senza mai stupirsi.
Sono simbiotici.
Hanno cappelli da inverno e cappelli d’estate, sempre ridicoli per errore di dimensione e colore.
All’entrata, hanno appesa una lista:
1 ora 2 euro
2 ore 4 euro
3 ore 6 euro
4 ore 8 euro
5 ore 10 euro
6 ore 12 euro
7 ore 14 euro
8 ore 16 euro
9 ore 18 euro
10 ore 20 euro
11 ore 22 euro
12 ore 24 euro
Pensavo fosse per i clienti – invece serve a loro quando devono farsi pagare.
Lavorano lì da quarant’anni. Penso che quando morirà uno, morirà anche l’altro, e viceversa. E, di sicuro, hanno già scelto in quale piazzola farsi sotterrare.

(pezzi di un mio vecchio blog)

Annunci

Informazioni su Paolo Zardi

Nato a Padova, sposato, due figli, ingegnere, nel 2010 ha pubblicato, con la Neo, una raccolta di racconti dal titolo "Antropometria", nel 2012 il romanzo "La felicità esiste" per Alet Edizioni; quindi una seconda raccolta di racconti per la Neo, "Il giorno che diventammo umani" nel 2013, arrivato alla quarta ristampa e il romanzo breve "Il signor Bovary" per Intermezzi, nel 2014. Ha partecipato a diverse antologie di racconti tra il 2008 e il 2015. Nel 2015 sono usciti il romanzo "XXI secolo" per Neo edizione (finalista allo Strega, al premio Simbad, a "Scrivere per amore" e al Premio Letterario "Città di Moncalieri") e il romanzo breve "Il principe piccolo" per Feltrinelli Zoom. Sempre nel 2015 ha curato l'antologia "L'amore ai tempi dell'apocalisse" per Galaad edizioni. Nel 2016 ha pubblicato "La nuova bellezza", romanzo breve per Feltrinelli Zoom; nel 2017, il romanzo "La Passione secondo Matteo", per Neo Edizioni.

7 commenti su “Apoptosi e altri acquerelli

  1. Sole
    08/07/2013

    Osservi il cielo come lo osservo io. Non sono una pazza quindi 😉

    Mi piace

  2. icalamari
    08/07/2013

    Oh, ma quei posteggiatori! Neanche uno sconto se superi le quattro ore? 😛
    Sembrano pensieri alla rinfusa da un balcone aperto sulla sera. Bello.

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      09/07/2013

      Niente, inflessibili! 😉
      Ora il parcheggio non c’è più, non so che fine abbiano fatto…
      ps il senso era proprio quello – pensieri alla rinfusa dal balcone di casa mia!

      Mi piace

  3. amanda
    09/07/2013

    le nuvole non sono piene solo d’autunno 😦

    i posteggiatori secondo me sono quelli di via san biagio

    Mi piace

    • Paolo Zardi
      09/07/2013

      Esatto! Sono (erano) proprio loro! Ma il parcheggio ha chiuso, non so che fine abbiano fatto loro due…
      Le nuvole mi piacciono quando i fulmini gli fanno i raggi X (inizio a parlare come i miei figli!).

      Mi piace

      • amanda
        09/07/2013

        anche quando montano come panna
        anche quando sono mistiche e si fanno attraversare dai raggi di dio (hai presente le foto del catechismo da bambini con i raggi del sole che rappresentano dio?)

        Mi piace

Se vuoi dire la tua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 08/07/2013 da in Poesia, Racconti con tag , , , .

Inserisci qui il tuo indirizzo email, e riceverai una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo post

Segui assieme ad altri 2.973 follower

XXI Secolo

In un imprecisato futuro del ventunesimo secolo, un uomo percorre le strade di un’Europa assediata dalla crisi e dalla povertà. Vende depuratori d’acqua porta a porta fissando appuntamenti da desolati centri commerciali. Ogni giorno svolge il proprio lavoro con dedizione e rigore avendo come unica ragione di vita sua moglie e i suoi due figli. Che sia un’intera società ad essersi illusa o un singolo individuo, la forza d’urto di una certezza che crolla dipende da ciò che si è costruito sopra. Guardando dritto negli occhi un Occidente in declino, Paolo Zardi racconta il tentativo struggente di un marito di capire quali verità possano nascondersi sotto le macerie delle proprie certezze, lo sforzo commovente di un padre di proteggere la sua famiglia quando tutto sembra franare.

Post consigliati

Vicini di banco

Un’occhata a Twitter

Archivi

Cadillac

La famosa rivista letteraria

'mypersonalspoonriverblog®

Amore è uno sguardo dentro un altro sguardo che non riesce più a mentire

La voce di Calibano

sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Cherie Colette

Più libri, più liberi

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

l'eta' della innocenza

blog sulla comunicazione

Voglio scrivere di te

La cartografia delle emozioni

Il Dark che vive in te

OGNI LUCE, HA I SUOI LATI OSCURI

donutopenthisblog.wordpress.com/

di Giulia Sole Curatola

il kalù

Life is too short to drink bad wine

Chez Giulia

Vorrei un uomo che mi guardi con la stessa passione con cui io guardo un libro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: