Faccio Yaya (come Tourè)

Tra i pochi libri che mi hanno cambiato la vita (no, non sono proprio pochi, ma sono comunque numerabili) c'è anche "La struttura delle rivoluzioni scientifiche" di Thomas Khun - un saggio che non può essere riassunto in poche righe senza perderne il senso complessivo; facendo una forzatura, però, ne estrapolo alcune idee... La prima:... Continue Reading →

Burioni il bullo

Uno dei libri più belli e meno conosciuti di Flaubert è il "Dizionario delle idee comuni", una lunga raccolta di frasi da usare per fare bella figura in società e dimostrare di essere colti e brillanti - senza sapere di cosa si sta parlando. Non è, come si potrebbe pensare a prima vista, un catalogo... Continue Reading →

Il mio futuro di allora

Sono nato in un mondo in cui la tecnologia più evoluta era il televisore analogico con due canali (un'ingenua freccia lampeggiante indicava l'inizio di un programma nell'altro canale). I miei genitori ritenevano che quel passatempo ci avrebbe rovinati, così come i loro genitori erano convinti che il telefono avesse tolto il piacere di uscire per... Continue Reading →

Masterchef

Siamo abituati a criticare ciò che non conosciamo, soprattutto se si tratta di qualcosa che ha successo. Capita spesso anche a me, sebbene debba ammettere che con il passare degli anni sto diventanto meno severo nei confronti del mondo. Mi sono reso conto che qualche volta prendevo posizione per sentirmi schierato dalla parte di quelli... Continue Reading →

Scrivere fiction, di Philip Roth

Anche se in Italia è conosciuto quasi esclusivamente per i suoi numerosi romanzi, Philip Roth è stato, e forse è ancora, un critico letterario piuttosto lucido ed incisivo, che non smentisce la sua natura di intellettuale vivacemente polemico. In questi anni, un pezzettino alla volta, ho letto “Reading myself and others”, una raccolta di saggi... Continue Reading →

Letargia

Nonostante le apparenze, questo blog non è morto. Non è neppure agonizzante. E' in letargo, in attesa di tempi più sereni - anzi: in attesa di tempo, di un tempo buono da dedicare a questa mio passatempo. Intanto, ci sono alcune idee che girano per la testa, idee non struttturate, spesso impegnative da organizzare. Facebook,... Continue Reading →

Un attimo di realtà (e la presentazione con Bonolis del 26 settembre)

Qualche mese fa su Facebook ho visto la foto di una pagina di un settimanale tipo "Oggi" nella quale Paolo Bonolis leggeva il mio libro, "Il giorno che diventammo umani". Poiché la foto me l'aveva mandata il mio editore, ho pensato che fosse un simpatico fotomontaggio. Nel giro di qualche ora, però, ho scoperto che... Continue Reading →

Amanda Palmer e la tetta che scappa

E' una cosa che non faccio quasi mai, quella di "re-postare" (si dice così?) qualcosa - trovo che Twitter e Facebook svolgano abbastanza egregiamente la loro funzione di redistribuzione di contenuti. Questo post, però, mi ha divertito, e mi ha commosso (certo, anche un'intelligenza brillante può commuovere). La storia è semplice: il Daily Mail ha... Continue Reading →

Il consenso

Come tanti uomini della mia età, ho fatto il servizio militare: un mese a Taranto, per una specie di CAR, e poi undici a Padova, in un aeroporto militare. Ero stato avvertito che avrei mangiato male, e anche se a casa nessuno sapeva cucinare bene (la specialità di mia madre era la pasta con la... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Pangea

La prima rassegna stampa delle più belle pagine culturali del pianeta

Io Sono V

Solo per te

Impressions chosen from another time

Frammenti di letteratura, poesia, impressioni

/in·cen·dià·rio/

[estasi, folgorazioni, risse]

LaChimicaDelleLettere

Reazioni a catenella

Matilda

Il blog della Biblioteca di Ossona

Nonapritequelforno

Se hai un problema, aggiungi cioccolato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: